Cristiano Ronaldo da Piccolo

In molti conoscono Cristiano Ronaldo, ma non tutti sanno della sua infanzia di come viveva, dove era cresciuto, gli anni lontano dalla famiglia.

Il campione portoghese Cristiano Ronaldo e nato a Madeira il 05.02.1985. Era il più piccolo dopo un fratello e due sorelle, il papa fan del attore americano Ronald Reagan lo chiamò Ronaldo. Sua madre era una cuoca di una scuola elementare, e suo padre lavorava come giardiniere.
La sua famiglia era molto povera, loro vivevano in una casa vecchia fatta di assi di legno e mattoni, dove durante l’inverno entrava il vento e la pioggia. A 11 anni lui giocava al Nacional di Madeira e i suoi allenatori erano preoccupati della sua salute. Gli sembrava troppo magro e si vedeva che mangiava male, perciò dopo ogni allenamento prima rimandarlo a casa li davano da mangiare zuppa calda e qualche panino.
A scuola non andava per niente bene, saltava le lezioni, non insegnava mai mentiva ai genitori per i voti che prendeva. Pero nonostante tutto era un buon ragazzo.

Tutto cambiò per lui quando passo allo Sporting Lisbona. In quel tempo non c’era ancora l’accademia della squadra, per questo motivo Cristiano Ronaldo e andato a vivere nel dormitorio dello Sporting che si trovava vicino al campo di allenamento. La stanza lui lo divideva con altri 3 ragazzi, e con se aveva solo una foto con la sua famiglia.
Dividendo la camera con altri bambini lui diventò molto amico con uno di loro. Fabio Ferreira con il quale si sente anche in questi giorni, dopo qualsiasi partita lui gli scrive dove gli fa i auguri e lo complimenta e Cristiano Ronaldo risponde sempre.

Tutti i giorni Ronaldo parlava al telefono con la madre in una cabina telefonica vicino lo stadio e sempre piangeva gli diceva quando era triste e che li mancavano molto la sua famiglia, i suoi amici. Pero la madre Dolores gli diceva sempre che l’unico modo per raggiungere qualcosa nella vita era quello di puntare tutto sul calcio.

Una persona molto importante per lui divento Leonel Pontes, allenatore delle giovanili di Sporting Lisbona, che divento anche il suo mentore. Quando tutti i bambini andavano a casa dai genitori, lui prendeva sempre Cristiano Ronaldo a pranzo con la sua famiglia. Il rapporto tra di loro e stato sempre più forte, anche oggi resiste.
Essendo che non aveva soldi lui mangiava in due ristoranti con il quale lo Sporting Lisbona aveva un accordo per i pasti che consumavano i calciatori . Solo quando faceva il raccattapalle per la prima squadra e guadagnava qualche soldo poteva permettersi di andare dal McDonalds. Ma andava raramente lui preferiva giocare in una sala giochi vicino lo stadio. La andava con il suo amico Fabio e giocavano per ore e ore a Daytona e a Puzzle Bobble. Questo suo vizio fini quando lo vene a sapere il suo mentore Leonel Pontes che andando dal proprietario della sala giochi lo avviso che loro non avevano il permesso di andare la.

Andando allo Sporting, Ronaldo lo registrarono anche in una scuola la vicino, pero anche la non tutto andava bene. Nel primo giorno di scuola prese subito un richiamò disciplinare. Il motivo era perché quando la maestra gli aveva chiesto di presentarsi lui in maniera incomprensibile aveva detto ‘ciao sono Cristiano Ronaldo e sono di Madeira’ tutti addiritturo la maestra si era messo a ridere. In quel momento Ronaldo aveva preso la sedia e gli aveva detto che gliel’avrebbe tirata in testa se non avesse smesso di ridere.
Avendo problemi con la pronuncia lui restava in camera da solo per molto tempo dove ripeteva sempre quello che non poteva pronunciare.

Compiuti i 14 anni lui e altri tre suoi amici si trasferirono in una camera vicino alla piazza Marquês in centro di Lisbona, dove inizio anche a studiare in una scuola la vicino. Per la prima volta in quella età lui riceverà un stipendio, circa 50 euro i soldi venivano spediti alla madre a Madeira e lei li dava una parte e il resto lo spendeva per le cose che servivano a casa.
Anche se vivevano in centro di Lisbona non e ché erano tanto liberi, la potevano andare in bar dopo cena pero dovevano rientrare in camera prima di mezzanotte. Di più la passavano il tempo a vedere le telenovele, e qualche volta il giornalista della pubblicazione dello Sporting gli comprava i biglietti e con gli educatori gli mandava al cinema Monumental per vedere il spettacolo di mezzanotte che loro adoravano molto.
Insieme al suo amico Fabio ascoltava la radio e i CD della Kelly Family da un apparecchio che aveva portato un loro amico.

Mentre si stava ambientando con gli amici e in squadre la sua famiglia entro in una crisi. Lui scopri che suo fratello si drogava e suo papa aveva problemi di alcolismo. Con i pochi soldi che aveva da parte pagò la disintossicazione del fratello, ma non ne ha potuto fare niente per suo padre che mori nel 2005 per complicazioni epatiche e renali. Mentre Ronaldo si trovava in ritiro con la nazionale per le qualificazioni ai mondiali del 2006.

Lascia un commento